L'etnia Vuvi si trova nell'attuale Gabon centrale. Sono conosciuti anche con i nomi di Bavuvi, Vouvi, Bavouvi, Bubi, Bhubhi, Ibubi, Ibhubhi, Evila, Pove, Pubi, Puvi)

Le maschere della società bwiti sono caratterizzate dalla relativa planarità del loro design e dalla natura emblematica delle caratteristiche e dei segni del viso. Queste maschere fungono da agenti attraverso cui gli spiriti ancestrali riappaiono durante le cerimonie funebri e i solenni raduni della comunità. Il colore bianco corrisponde alla morte, e le semplici caratteristiche facciali annerite sono segni grafici, che rappresentano la conoscenza esoterica tramandata dagli antenati. La faccia ovoidale ha sopracciglia fortemente arcuate che spesso si estendono dal ponte del naso fino al bordo della maschera. Le sopracciglia possono delimitare un'area a forma di cuore con strette fessure per gli occhi e una bocca leggermente aperta a labbra sottili. Apparentemente ogni maschera aveva un nome speciale legato allo spirito che incarnava. Durante le rappresentazioni notturne annunciate dalle percussioni dei tamburi, il leader del rito intonava una canzone specifica che ricordava agli astanti i tratti individuali dello spirito rappresentato dai mascherati.